Crisi in Libia. Conte: «Cessate fuoco immediato e ritiro forze Lna»




Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, riceve a Roma il vicepremier del Quatar, Mohammed Al Thani e il numero due del Consiglio presidenziale, Ahmed Maitig, consultanti riguardo alla crisi in Libia. Per l'occasione, il premier italiano ha ribadito la sua forte preoccupazione per la deriva militare e la sua speranza di una prossima risoluzione.

"Auspichiamo un cessate il fuoco immediato e il ritiro delle forze dell'Lna"- ha dichiarato Conte-  "si conferma in queste ore che, chi pensava che un'opzione militare potesse favorire una soluzione alla stabilità della Libia, viene smentito. Le soluzioni di forza affidate all'uso delle armi non portano mai a soluzioni sostenibile. Il dialogo politico si rivela ancora una volta l'unica opzione sostenibile", ha detto ancora Conte.

E proseguendo ha rassicurato tutti, affermando che "Stiamo sempre seguendo l'evoluzione in Libia, oggi è una giornata molto impegnativa, siamo preoccupati, dobbiamo assolutamente scongiurare che possa proseguire questo conflitto armato. Abbiamo una precisa strategia, vogliamo una soluzione politica, farò di tutto perché tutti gli attori libici, ivi compresi gli esponenti della comunità internazionale, lavorino con noi per una soluzione pacifica".