Migranti. Di Maio: «I porti sono aperti? Il ministro dell’Interno deve spiegare»


«I porti sono aperti? È lui il ministro dell’Interno, lui che comanda le forze dell’ordine, lui che porta avanti le politiche dell’immigrazione, è lui che deve spiegare».

Questo l'attacco che il vicepremier Luigi Di Maio ha rivolto a Matteo Salvini dopo l'ok dato all'ultimo sbarco dalla procura di Agrigento, dicendosi «d’accordo con le politiche sull'immigrazione portate avanti fino ad ora, nel rigore sulla gestione dei porti e degli sbarchi, una politica che ha funzionato».

«Ma se il ministero dell’Interno viene a sapere di sbarchi mentre è in talk show» ha sottolineato Di Maio «è lui che deve spiegare. Noi siamo leali e sostenitori di quanto portato avanti fino ad ora». 

In risposta, il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha dichiarato che: «Il procuratore di Agrigento ha imposto questa iniziativa senza avvisare il ministro che non ha dato nessuna autorizzazione? Se c’è favoreggiamento dell’immigrazione clandestina chiunque agevoli gli sbarchi dovrà vedersela con la legge».