Roma. Un nuovo capitolo di "Multopoli"


Scoperta a Roma una presunta organizzazione verticistica e a vocazione clientelare che avrebbe cancellato oltre 130mila multe dal database di Roma Capitale, causando un danno complessivo del valore di 17 milioni di euro.

L'operazione "Multopoli" ha permesso alla procura regionale della Corte dei Conti di indagare su cinque le persone tra dirigenti e collaboratori delle risorse economiche della Capitale, nei confronti delle quali è scattato un avviso di garanzia, con la momentanea interdizione della loro mansione e il risarcimento dei danni.

Da quanto dichiarato dal pm contabile, Massimo Perin, i cinque presunti colpevoli avrebbero esonerato alcuni loro amici dal pagamento di alcune multe, causando un danno patrimoniale e da disservizio al Comune di Roma. 

Gli indagati hanno organizzato un centro operativo illecitamente deputato alla raccolta di istanze di sgravio di cartelle esattoriali, sul quale si continua ad indagare.