Migranti. Boldrini: «È patetico che si mettano in mezzo ministri e presidenti del Consiglio per trovare una soluzione»


Continua la crisi migranti nelle coste dell'Italia, alimentata dal dibattito sull'accoglienza e sulla chiusura dei porti. 

Sul tema l'ex presidente della Camera, Laura Boldrini, è intervenuta ad un'intervista su Radio Cusano Campus, emittente dell'Università Niccolò Cusano, e rivolgendosi al vicepremier Matteo Salvini ha dichiarato che: «Il ministro sta giocando ad una battaglia navale, si accanisce contro le ong, nel frattempo cento persone sono arrivate a Lampedusa e lui non ha battuto ciglio».

La Boldrini ha aggiunto che:«Salvini ha deciso che il nemico è chi salva le vite nel Mediterraneo» sostenendo che: «tenere 42 persone in mezzo al mare con temperature che sfiorano i 40 gradi dimostra che l'incapacità di governare il fenomeno migratorio arriva a manifestazioni di sadismo nei confronti di persone in difficoltà».

La deputata ha concluso poi affermando che: «È patetico che in un continente di 500 milioni di abitanti ogni volta che arrivano 40 migranti, si mettano in mezzo ministri e presidenti del Consiglio per trovare una soluzione».