Ue. Salvini: «Perseguita l'Italia per uno zero virgola uno di infrazione sul deficit»


«L'Ue non sta facendo nulla e poi perseguita l'Italia per uno zero virgola uno di infrazione sul deficit, sul debito».

Inizia così l'intervento del vicepremier Matteo Salvini a "Radio anch'io", in onda su Radio1, alla quale ha riferito che: «Siamo il terzo Paese che paga di più, e dai non scherziamo, non è che paghiamo l'Europa per farci richiamare e poi sull'immigrazione si girano dall'altra parte».

Il ministro dell'Interno ha continuato sottolineando come: «Noi non possiamo sfamare tutto il mondo, abbiamo qualche milione di italiani in difficoltà e io mi preoccuperei prima di loro».

E spostando l'attenzione sul caso della "Sea Watch" ha detto che: «Se l’Ue fa la sorda non identifichiamo i migranti» e ha reso noto che «Siamo pronti a non identificare più i migranti che arrivano in Italia, così saranno liberi di andare dove meglio credono, a Mikonos o Ibiza. Non vorrei essere costretto a violare la normativa europea. Sulla Sea Watch c’è un’evidente flagranza di reato. Cosa si aspetta ad emettere un ordine d’arresto?».