Armi neonazi, Salvini: «Gruppo ucraino che attentava alla mia vita»


«L'ho segnalata io. Era una delle tante minacce di morte che mi arrivano ogni giorno. I servizi segreti parlavano di un gruppo ucraino che attentava alla mia vita. Sono contento sia servito a scoprire l'arsenale di qualche demente»

È quanto afferma il ministro dell'interno, Matteo Salvini a Genova, in merito al sequestro di armi nel Nord Italia, in mano a persone legate ad ambienti oltranzisti di estrema destra, tra cui spiccano un missile aria-aria Matra, in utilizzo alle forze armate del Qatar.

«Penso di non aver mai fatto niente di male agli ucraini - ha sottolineato Salvini - ma abbiamo inoltrato la segnalazione e non era un mitomane. Non conosco filonazisti. E sono contento quando beccano filo-nazisti, filo-comunisti o filo chiunque».